6 Marzo 2024

Tempo di lettura: 3min

Il mito della propaganda LGBT. Ne parliamo il 6 aprile a Distortə

Gaynet

Distortə – L’impatto della disinformazione sulla vita delle persone LGBTQIA+

Roma 6 Aprile 2024

Centro Europe Experience – Piazza Venezia, 6

Ore 10:00 – 18:45

Promosso da Gaynet e EDGE in collaborazione con Prassi e Ricerca e ARCO e il sostegno dell’Ufficio Diritti LGBT+ di Roma Capitale.

Richiesta iscrizione – Vai al form

L’evento è accreditato dall’Ordine degli Assistenti Sociali. Per conseguire i crediti formativi (solo in presenza) registrarsi al seguente form

Propaganda LGBT? La disinformazione sulle persone LGBTQIA+

La disinformazione sulle persone LGBTQIA+ è un tema sempre più attuale, un vero e proprio strumento di propaganda che ha attirato l’attenzione anche dell’Unione Europea, che la annovera fra i tre key topic oggetto di fake news insieme alla guerra in Ucraina e alla pandemia da Covid 19.

In Italia, attraverso la promozione di campagne, iniziative e conferenze apparentemente innocue, si sta sostenendo sempre più l’idea che certi  orientamenti sessuali e certe identità di genere siano “devianti” e debbano continuare ad essere considerate tali.

La retorica della devianza

Questa è la narrazione di chi grida alla cosiddetta “propaganda LGBT”, che sostiene, per esempio, gli appelli a “non confondere l’identità sessuale dei bambini”, che presuppongono con chiarezza l’esistenza di una “normalità” dalla quale si può essere deviati  ingenerando “confusione”.

Questa “retorica della devianza” considera le persone LGBTQIA+ sbagliate, un errore da correggere, al limite da tollerare, ma certamente da “evitare”, al di fuori di qualsiasi  standard scientifico.

Fake news sempre più efficaci, generano dubbi anche tra chi sostiene la causa dei diritti civili e condizionano di fatto, l’intero dibattito pubblico su questioni cruciali quali il riconoscimento dei diritti delle famiglie omogenitoriali e la salute delle persone transgender e non binarie. Una propaganda basata sulla disinformazione che limita il diritto delle persone LGBTQIA+ ad avere una vita libera e serena.

Attraverso un Simposio e tre Tavole rotonde, entreremo nel merito dei temi più dibattuti e dei miti più diffusi da sfatare, coinvolgendo alcune tra le figure più autorevoli del panorama scientifico e culturale, italiano e internazionale

Info: segreteria@gaynet.i

SOCIAL  @davocealrispetto @edgeleadersforchange

Quattro sessioni per smascherare il mito della “Propaganda LGBT”

Programma: 

Ore 10:00 – Saluti istituzionali e delle associazioni

Ore 10:20 – Introduzione

Rosario Coco, Presidente Gaynet

Maria Silvia Spinelli, Vice Presidente EDGE

 

Ore 10:45 – Simposio. La retorica della devianza e le pratiche di conversione

Relazioni

Roberto Baiocco, Università Sapienza di Roma

Paola Biondi, Psicologa e Psicoterapeuta

Antonio Rotelli, Legista e Avvocato

Contributi

Angelica Polmonari, Comm. Pari Opportunità ILGA World.

Yuri Guaiana, Board member ILGA World

Modera: Eugenia Nicolosi

Q&A – Domande in sala e online

 

Ore 12:30 – Tavola rotonda. La genitorialità per le persone omosessuali e transgender in Italia: ostacoli giuridici e culturali

Relazioni

Vincenzo Miri, Presidente Rete Lenford

Nicla Vassallo, Filosofa, Università di Genova

Contributi

Alessia Crocini, Presidente Famiglie Arcobaleno

Luka Ceraolo, Rete Genitori Rainbow

Pasquale Quaranta, Diversity Editor Gruppo Gedi

Franco Grillini, Presidente Onorario Gaynet e Arcigay 

Modera: Alessandro Baracchini

Q&A – Domande in sala e online

 

Ore 14:30 – Pausa pranzo (Buffet offerto dall’organizzazione)

 

Ore 15:30 – Tavola rotonda. I diversi modelli di Carriera alias e il quadro normativo italiano sul diritto all’identità di genere

Relazioni

Giovanni Guercio, Avvocato

Contributi

Miki Formisano, Attivista

Gioele Lavalle, Presidente Gender X

Donatella Siringo, Presidente Agedo

Michele Sicca, UDU

Gabriel Corbelli, Resp. Identità Alias e TIN Inclusion AICS

Modera: Caterina Coppola

Q&A – Domande in sala e online

 

Ore 17:15 – Tavola rotonda. Varianza di genere e farmaci sospensivi della pubertà, oltre la retorica del “cambio di sesso”

Relazioni

Paolo Valerio, Psichiatra, Presidente ONIG

Francesco Lombardo, Presidente SIGIS

Contributi

Antonella Palmitesta, Psicologa e Psicoterapeuta, Ass.NUDI

Chiara Sgro, Ass. Genderlens

Asia Cione, Ass. Libellula

Video messaggi

Massimo Prearo, Ricercatore Università di Verona

Jack Dresher, Psichiatra e psicanalista,

Columbia University

Natasha Maesi, Presidente Arcigay

Modera: Isa Borrelli

Q&A – Domande in sala e online

 

Ore 18:45 – Conclusioni e saluti

——–

Info: segreteria@gaynet.it 

Instagram e Facebook – @davocealrispetto @edgeleadersforchange

 

 

CONDIVIDI DOVE VUOI

LEGGI ANCHE

  • Distortə, comunità scientifica e realtà LGBTQIA+ contro la disinformazione

    8 Aprile 2024

  • Tavolo tecnico su adolescenza trans, associazioni escluse

    28 Marzo 2024

  • Valle Aurelia, la sentenza: omofobia come eccesso di velocità. 

    15 Marzo 2024