12 Dicembre 2023

Tempo di lettura: 2min

Congresso ARCO, testimone Stonewall incontra “gay club” italiani

Gaynet

ARCO al terzo congresso. I numeri dei “gay club” in Italia

Martedì 12 e mercoledì 13 dicembre si terrà a Padova il terzo congresso Nazionale ARCO (Associazione Ricreativa Circoli Omosessuali) la rete dei circoli LGBTQIA+  in Italia, spesso conosciuti come “gay club”,  con quasi 50 realtà affiliate in 12 regioni. Tra le novità dell’evento, intitolato ‘Ora la crescita’, sarà presentata la collaborazione tra ARCO e lo storico Stonewall Inn di New York, luogo della rivolta del 1969 che diede vita al movimento LGBTQIA+ contemporaneo, riconosciuto da Obama come monumento nazionale degli Stati Uniti. 

I “gay club” e la rete ARCO

I circoli ARCO sono luoghi di aggregazione, incontro e socialità di grande importanza per la collettività LGBTQIA+, in particolare per quel 61% che non ha ancora fatto coming out (dati FRA). Dopo oltre 50 anni da Stonewall, dove tutto iniziò proprio in un club, i temi dell’aggregazione, della cura e della lotta ai pregiudizi sulla sessualità sono ancora al centro dell’agenda del movimento, trovando ARCO impegnata a fianco delle altre associazioni con la promozione di strumenti digitali quali l’app One Pass, hub di eventi e iniziative arcobaleno in tutta Italia. Nel 2023 l’associazione ha inoltre sostenuto il progetto ‘È l’Italia che vogliamo’, promosso da Gaynet e finanziato da UNAR, a sostegno dei Centri antidiscriminazione e Case di accoglienza LGBTQIA+

Arco gay clubLa proiezione del film di Roland Emmerich

Martedì sera, alle ore 21:30, presso il Cinema Astra a Padova, sarà proiettato il film ‘Stonewall’ di Roland Emmerich, alla presenza di Kurt Kelly, attuale proprietario dello Stonewall Inn, e Frederick Folk detto ‘Tree’, attivista e testimone della rivolta del 28 giugno 1969. Parteciperanno al dibattito condotto da Antonello Sannino (Arcigay Napoli), Alessandro Zan, Deputato PD, Franco Grillini, Presidente onorario di Arcigay e Gaynet, Roberto Dartenuc, Presidente ARCO, Alessandro Battaglia, Presidente Quore. Sarà un’occasione per riflettere tra passato e futuro sulle rivendicazioni del movimento in Italia, a partire dalla piattaforma lastradadeidiritti.it, sottoscritta anche da ARCO. 

Salute e prevenzione, ARCO a sostegno del movimento LGBTQIA+

Nella giornata di mercoledì si concluderanno le operazioni congressuali e avrà luogo l’iniziativa ‘Salute e Prevenzione’, condotta da Rosario Coco (Gaynet) con Ilenia Pennini di Arcigay Nazionale, Massimo Farinella del Circolo Mario Mieli, Sandro Mattioli di Plus Bologna, Carlo Oneto di Arcigay Napoli, Donatello Zagato di ASA Milano. ARCO intende confermare il suo ruolo di sostegno al movimento e alle associazioni  come anello fondamentale di contatto con gli spazi di incontro e libertà sessuale. I “gay club” costituiscono in fatti  costituiscono luoghi chiave per raggiungere la popolazione MSM (termine clinico per ‘maschi che fanno sesso con maschi’), che include persone omosessuali, bisessuali e anche eterosessuali, e possono pertanto cooperare in modo determinate nelle iniziative di testing, screening, informazione e prevenzione delle IST. 

 

CONDIVIDI DOVE VUOI

LEGGI ANCHE

  • Grecia, matrimonio egualitario ormai patrimonio del diritto europeo

    16 Febbraio 2024

  • La triptorelina si ferma in tribunale e lui è costretto alla mastectomia

    10 Febbraio 2024

  • Mamme cancellate a Milano, Famiglie Arcobaleno ancora nel mirino

    8 Febbraio 2024