15 Settembre 2023

Tempo di lettura: 1min

Meloni da Orban? difenda gli interessi nazionali anziché Dio, che non ne ha bisogno.

Gaynet

“Mentre la ministra Roccella replicava

ieri in un aula del Senato vuota a una interrogazione sulle discriminazioni delle persone LGBTIQ+ del M5s, Giorgia Meloni si trovava a Budapest, da Orban, per Demographic summit, dove ha ribadito con forza che ‘Dio e Famiglia’ vanno difesi”

Così Rosario Coco, Presidente Gaynet

“Il Demographic Summit è una conferenza ultra conservatrice internazionale,

che vede in prima linea il Premier Viktor Orban, da sempre vicino a Meloni e Salvini. Le politiche di Orban hanno portato l’Ungheria a ricevere numerose sanzioni dall’Unione Europea, trai cui il congelamento di quasi 30 miliardi dei fondi per la coesione, a causa dal mancato rispetto dell’indipendenza della magistratura, delle politiche in materia di asilo, e della legge cosiddetta “anti-LGBTIQ”. Più che difendere Dio, che non crediamo ne abbia bisogno – conclude – Giorgia Meloni dovrebbe preoccuparsi di rappresentare quello Stato laico descritto nella nostra Costituzione e difendere gli interessi nazionali, evitando derive che ci portano a scontrarci frontalmente con l’Unione Europea”

CONDIVIDI DOVE VUOI

LEGGI ANCHE

  • Distortə, comunità scientifica e realtà LGBTQIA+ contro la disinformazione

    8 Aprile 2024

  • Tavolo tecnico su adolescenza trans, associazioni escluse

    28 Marzo 2024

  • Valle Aurelia, la sentenza: omofobia come eccesso di velocità. 

    15 Marzo 2024